Quando c’erano i cavalli non si arrivava mai

A Parigi è finalmente arrivato uno splendido gelido vento invernale.
Io lo celebravo passeggiando con Mai sotto casa sul bellissimo viale di Avenue Foch, alberato percorso (il più largo di tutta la città) che prende il nome dal vecchio generale che John Maynard Keynes descriveva così:

«Foch è una specie di  contadino francese, basso, con le gambe storte, e con i baffi maltenuti, che liscia in continuazione. Nel suo squallido ufficio agli Invalides fuma la pipa, e quando ascolta qualche civile che lo annoia ha il vizio di sporgere fuori il labbro inferiore e lasciarlo ciondolare, probabilmente spingendo la dentiera con la lingua.»

– J.M.Keynes (Le mie prime convinzioni, Ed. Adelphi, p. 41)

Per la sua fortuna la maestosità del posto ha cancellato questi dettagli.

Ho anche scoperto che sullo stesso viale, a esattamente 30 passi da casa mia, aveva sede il quartier generale della Gestapo durante la seconda guerra mondiale. Ma questa è un’altra storia…

Avenue Foch, l'anno scorso sotto la neve

Avenue Foch, l’anno scorso sotto la neve

Ma perché racconto tutto ciò?

Solo perché durante la nostra passeggiata mi sono ritrovato a chiedere a Mai quand’è che potrò iniziare  a leggere libri e storie al piccolo erede?

Lo confesso, io ad esempio già non vedo l’ora di prendere in mano Omero e iniziare a raccontargli di Briseide, Criseide e l’ira funesta che da lì ne seguì… Forse mi divertirò più io di lui, ma non riuscirò a trattenermi ad allevarlo con le disavventure di Ulisse, l’uomo ricco di astuzie che a lungo errò dopo ch’ebbe distrutto la rocca sacra di Troia.

Visto che il suo sangue sarà per metà anche del grande Giappone, sogno anche la prima volta che ci siederemo insieme a vedere I sette samurai di Kurasawa. Toshiro Mifune dovrebbero farlo vedere in tutti gli asilo essendo uno splendido modello da seguire.

Forse precorro i tempi, ma siate indulgenti. Non si campa di soli pannolini.

Una assoluta perla!

Una assoluta perla!

I mille utili consigli nei libri di Mai (io non imparo nulla)

I mille utili consigli nei libri di Mai (io non imparo nulla)

Ma per finire con una leggera, vi mostro uno dei miei tristi pranzi di lavoro.
Una foto che ho già avuto modo di condividere con alcuni amici la foto dei miei pranzi quotidiani, ma che non poteva mancare. Su questa nota di dolore chiudo il breve (e un po’ stupido) post di una settimana troppo stancante per lasciare spazio ad altro.

No comment

No comment