L’”io” non può essere salvato

Domenica mattina a guardare tutti insieme E.T. alla televisione mentre fuori cadeva qualche fiocco di neve.

Ieri Cecilia ed Edoardo impegnati a fare biscotti ed io a montare una piccolo mobile Ikea.

Come esseri umani siamo definiti da quello che facciamo, dalle nostre relazioni, ma noi ormai di relazioni esterne ne abbiamo sempre di meno. La pioggia perenne non aiuta. Abbiamo, in compenso, comprato un po’ di mimosa per convincerci che la primavera è alle porte.

Da “Helgoland” della settimana scorsa