Quando in questo delicato meccanismo di concetti difficili e sentimenti sublimi entrano d’improvviso i granelli di sabbia e di sudiciume della vita

Parigi paralizzata dagli scioperi, la temperatura è vicina allo zero, piove e mi si è rotto lo scaldabagno.

Io quindi sono a casa, provo senza successo a lavorare, ascolto Billie Eilish, leggo Nietzsche e gioco con i trenini con Cecilia ed Edoardo (anche le scuole sono chiuse).

Aspettiamo che passi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...