I can feel it, the scream that haunts a logic

Cadono pesanti gocce di pioggia, ma all’orizzonte si aprono le nuvole e spunta il sole.

Cecilia dorme nel passeggino di fianco a me e io sto seduto, guardo le ortensie e mi riposo.

Ieri e stamattina i bambini si divertiti un mondo. Urla, colori, corse, salti, risate risate risate. Guardando insetti, raccogliendo ghiande, scaldandosi davanti al camino e mangiando biscotti. La vita dovrebbe essere sempre così.

Edoardo giocoso e protettivo della sua sorellina e Cecilia fiera di giocare alla pari con bimbi più grandi di lei.

Dopo pranzo però gli ospiti sono partiti e sulla casa è piombata una cappa di silenzio, pioggia e sonno. Aspettiamo di risvegliarci stasera con il camino e la ribollita.

Una risposta a "I can feel it, the scream that haunts a logic"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...