Strade che non consentono che le si percorra a ritroso

«Ho trovato in Plutarco i metodi usati da Cesare per difendersi dalla salute malferma e dai dolori di testa: marce eccezionali, vita semplice, ininterrotta permanenza all’aria aperta, fatiche…»

– Nietzsche (lettera del 13 febbraio 1888)

Avrete capite che le festività non ci trovano inattivi. Passe mattine e pomeriggi a rincorrere Saku che sfreccia con la sua trottinette sui marciapiedi di Parigi. Ogni tanto finisce contro un palo o un secchio della spazzatura, ma si rialza ridendo e ricomincia come niente fosse tra lo stupore delle vecchiette che lo osservano terrorizzate.

Il Natale lo abbiamo passato tranquilli a casa a cucinare  e oggi, compleanno di Simonetta, lo abbiamo festeggiato con una splendida giornata di sole.

Saku per la prima volta ha sperimentato l’apertura dei pacchetti sotto l’albero e la cosa non gli è dispiaciuta, anche se di natura non è un materialista e questo me lo fa amare ancora di più (se possibile).

Il regalo che gli sono piaciuti di più sono il libro di Zigo Zago e un piccolo rinoceronte di gomma (che lui insiste a chiamare “RINOTONTE”)

dsc_0232dsc_0249dsc_0241dsc_0227dsc_0229img_9012

Eros weaver of myth

Io ho iniziato ieri le mie vacanze natalizie andando a vedere il nuovo film di Star Wars (ebbene sì), mangiandomi una bella bistecca e andando alla splendida mostra di Cy Twombly al Centre Pompidou.

Saku invece ha finito oggi l’asilo, chiudendo in bellezza con una mattinata di “pigiama party”.

Adesso una settimana insieme tra tanti regali e pranzi con amici (giapponesi).


Life on mars?

“…dico  questo per esprimere anche da parte mia il bisogno di non fare altro che ridere per alcune settimane.”

F. Nietzsche (lettera alla sorella Elisabeth. 26 gennaio 1887)

Sono immerso nello splendido quinto e ultimo volume dell’epistolario di Nietzsche appena pubblicato da Adelphi. Un Friedrich, all’epoca quasi mio coetaneo, mi tiene compagnia e mi distrae dalle meschine liti in cui una vicina di casa nevrotica cerca di trascinarmi.

Per fortuna che Saku diventa più bello e simpatico ogni giorno che passa. Non ho parole per dire quanto gli voglio bene. 

Per il nome della bimba siamo ormai ad una scelta tra due opzioni. Saku ha chiaramente scelto quella che gli piace di più. Penso che sarà probabilmente quindi quella la scelta finale…

P.S. Da oggi spariscono per sempre le pubblicità da chotto. Non le ho mai sopportate e sappiate che non torneranno più.







Il re scoiattolo 

Non è mai facile. Questo fine settimana lo sto passando tutte dicendo solo: “No. Bast. Fermo. Piano”. Così a ripetizione dalla mattina alla sera.

Bisogna avere pazienza. Lo so. Ma mica è facile.

Metto un po’ di foto che quelle mi rilassano.