Asilo

“Bien sûr, détruire la pierre n’est pas possible.On la change seulement de place. De toute façon, elle durera plus que les hommes qui s’en servent. Pour le moment, elle appuie leur volonté d’action. Cela même sans doute est inutile. Mais changer les choses de place, c’est le travail des hommes : il faut choisir de faire cela ou rien.”

– Camus

Esco dal silenzio per annunciare che Saku ha iniziato la Scuola.
Anzi l’asilo, il nido, la scuola materna o come diavolo si chiama, io mica lo so veramente.

Qui la chiamano Halte-Garderie e Saku andra’ tre volte a settimana. Adesso pero’ ha iniziato il 24 agosto e per l’inserimento sta andando tutti i giorni.

Qualche lacrima, qualche piccola disavventura, ma grosso modo sta andando e a me sembra incredibile.
Maiko e’ riuscita stamattina a prendersi il suo primo caffe’, da un anno e mezzo a questa parte, seduta tranquilla con una amica a chiacchierare.

Vedremo come continua.

Intanto io lunedi’ vado a Bruxelles e, seguendo Camus, sposto inutilmente pietre (e carte) a destra e sinistra per dare uno scopo all’esistenza.

Il primo disegno