Senza voce (serafico)

Ci si sbaglia sempre sul Giappone, non perchè ci sia un segreto giapponese da snidare – come affermano i falsi specialisti che hanno interesse a far crescere un mistero sul quale speculano -, ma proprio perchè quel segreto non esiste. In fondo, la questione è molto banale. C’è solo una cosa da capire, risaputa come una massima o un proverbio: là, esattamente come oltrove e come ovunque, è la stessa cosa. Con la sua lingua più raffinata, un filosofo scriverebbe che l’esperienza di vivere fa spalancare lo stesso abisso in ogni esistenza umana – quali che siano il tempo e il luogo in cui quell’esperienza si svolge – e che sul ciglio di quell’antico abisso le civiltà con i loro cortei di pregiudizi vengono semplicemente ad allestire lo sfondo tutto sommato irrilevante delle loro verità vane e mutevoli. Ma è sempre tutto molto più semplice di quel dicono i filosofi. Sui giapponesi chiunque ne sa più di Heidegger: loro sono come noi, ed è tutto. Nascono, vivono, muoiono, come noi passano da un nulla a un altro cercando di salvare il salvabile dal magnifico disastro di esistere.

NIN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...