La verità è nell’abisso

Vorrei poter scrivere che in queste giornate di ozio scovo profonde verità, imparo a conoscere me stesso e acquisto serenità.

La realtà è che le uniche cose che faccio sono scaldarmi i muscoli al sole, riempirmi la pancia e bere più di quanto dovrei.

Verità e serenità sono ancora lontane ma bistecche, salsicce, polenta fritta, gin-tonic e Barolo sono degni surrogati.

One must become a man of character

Difficile dimenticare che siamo in un anno strano visto che anche nella piccola Gaiole tutti girano con maschere e disinfettante. Le code si fanno fuori dai negozi e ci si saluta a distanza.

Però almeno qui i cipressi, i daini e i cespugli ei lavanda in fiore sembrano gli stessi di sempre, indifferenti agli affanni umani e alle nostre paure.

Io trovo sollievo nel silenzio, negli aperitivi preparati da mio padre e nella purificante luce del sole.

Go ask the dust for any answers

Forse davvero sta finalmente arrivando l’estate. Nell’animo e nella testa intendo, più che astronomicamente.

Leggo un libro sulla Beat Generation, ascolto i RHCP, ritrovo un quarto di sorriso e il mio pessimismo cosmico inizia lentamente a sciogliersi al sole con una Peroni gelata.

Rubo questa settimana due citazioni da Calvino e Snoopy per ricordami che in fondo è tutta questione di aspettative, di come ci si pone di fronte alle cose. Intanto l’universo continua a girare, io sfaccio gli ultimi scatoloni, preparo le valigie per la Toscana (giovedì si parte) mentre Kiedis canta “never been a better time than right now”.

Le foto di questa settimana vanno dai gelati di Cecilia fino a vecchie immagini in bianco e nero dei miei genitori.

Protetto: Trasloco

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Posted in Uncategorized | Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

Protetto: Family ties

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Posted in Uncategorized | Inserisci la tua password per visualizzare i commenti.

Chotto a “massa zero”

Io aspirerei in teoria ad una vita contemplativa di riflessione, ma mi ritrovo ogni giorno in un vortice di vacuo dinamismo.

Mi consolo pensando che la stasi è in fondo non meno vacua e forse un po’ più noiosa. Penso anche di essere in buona compagnia visto che tutto nell’universo sembra in perpetuo movimento.

Ieri quindi ho finito di montare sedie e tavolo da pranzo, ho installato frigo e forno e ho fatto fare il primo giro esplorativo di casa nuova ad Edoardo e Cecilia che sembravano belli contenti.